Progetto

Generale

Profilo

Installare Proxmox 3.x su Wheezy

Benché Proxmox preveda la possibilità di una installazione diretta tramite la propria distribuzione, è possibile effettuare l'installazione anche a partire da una Debian Wheeze, utilizzando i pacchetti forniti dal progetto. Sono però necessari alcuni accorgimenti. Dopo aver completato la installazione del sistema base di Debian si dovranno aggiungere alle fonti di APT (in /etc/apt/sources.list) le righe seguenti per i pacchetti di Proxmox:

# PVE pve-no-subscription repository provided by proxmox.com
deb http://download.proxmox.com/debian wheezy pve-no-subscription

Inoltre se si usa LVM è opportuno creare un filesystem separato per /var/lib/vz su un volume logico, e se si intende usare la funzionalità degli snapshot nei dump delle macchine virtuali anche un secondo volume logico per /var/lib/vz/dump. E' il caso di farlo prima di installare Proxmox altrimenti se ne dovranno spostare i contenuti in seguito.

per semplificare gli aggiornamenti ed evitare lamentazioni al riguardo dei pacchetti non firmati si installino le chiavi GPG per Proxmox con:

wget -O- "http://download.proxmox.com/debian/key.asc" | apt-key add -

Prima di installare ci si assicuri che al proprio hostname non sia associato nessun indirizzo IPv6, e che questo sia associato al proprio IP pubblico e non al 127.0.0.1; si dovrà cioè avere un contenuto di /etc/hosts del tipo:

# IPv4
127.0.0.1 localhost localdomain localhost
144.76.223.7  proxmox proxmox.truelite.it pvelocalhost

# The following lines are desirable for IPv6 capable hosts
::1     localhost ip6-localhost ip6-loopback
ff02::1 ip6-allnodes
ff02::2 ip6-allrouters

si proceda poi alla rilettura dei repository e alla installazione degli aggiornamenti:

apt-get update
apt-get dist-upgrade

A questo punto si installi il kernel ed i relativi firmware di Proxmox, il kernel ordinario di Wheezy infatti non ha il supporto per OpenVZ. Non ci si faccia intimorire dal numero di versione (2.6.32) si tratta del kernel derivato da quello di RedHat Enterprise che contiene tutti gli aggiornamenti ivi presenti e che è la base delle patch di OpenVZ, questo si fa con (la versione 2.6.32-29 è quella alla data di ultima revisione di queste note, si verifichi che non ne sia disponibile una più recente, nel qual caso tutti i riferimenti alla versione 2.6.32-29 che appaiono di seguito dovranno essere riferiti a quest'ultima):

apt-get install pve-firmware pve-kernel-2.6.32-29-pve

A questo punto si deve riavviare facendo partire il nuovo kernel, ma a causa del numero di versione questo non corrisponde al default di GRUB che usa il kernel standard di Wheezy (3.2.0). Pertanto se non si può disporre della console (ad esempio perché si sta operando da remoto) è necessario modificare temporaneamente la configurazione di GRUB per far partire il nuovo kernel. Per questo occorre determinare la posizione dello stesso nel menù di grub ed impostarla in /etc/default/grub, nella variabile GRUB_DEFAULT.

Nel caso si sia partiti da una installazione liscia di Wheezy saranno disponibili solo due immagini di kernel, ed il valore corretto per GRUB_DEFAULT è 2, altrimenti occorre verificare in /boot/grub/grub.cfg contando la posizione della voce menuentry corrispondente a partire da 0. Si faccia molta attenzione: in generale il valore deve essere pari perché per ogni immagine di kernel installata vengono automaticamente create due voci, una per l'avvio normale ed una per l'avvio in single user mode, qualora si selezioni per sbaglio una di queste ultime la macchina non sarà più raggiungibile da remoto.

Per evitare errori di conteggio si può alternativamente indicare il valore di GRUB_DEFAULT usando invece che un numero di posizione la stringa passata come primo argomento della direttiva menuentry corrispondente in /boot/grub/grub.cfg. Se cioè si ha una voce:

menuentry 'Debian GNU/Linux, with Linux 2.6.32-29-pve' --class debian .......

(si tenga presente che la voce è localizzata, per cui se si è installato in italiano si avrà un "con" al posto del "with", controllare sempre il file, un errore non compromette nulla, se la stringa non corrisponde si riavvierà con il primo kernel della lista, che resta quello non voluto) dovrà definire GRUB_DEFAULT in /etc/default/grub come:

GRUB_DEFAULT='Debian GNU/Linux, with Linux 2.6.32-29-pve'

si esegua poi l'aggiornamento della configurazione di GRUB con:

update-grub

e si verifichi che il default per il kernel da avviare sia stato cambiato con:

root@proxmox ~ # grep "default=" /boot/grub/grub.cfg 
set default="Debian GNU/Linux, with Linux 2.6.32-29-pve" 

Con le versioni più recenti di GRUB (installate con i pacchetti di Proxmox) che creano dei sottomenu per i vari kernel, questa procedura produrrà un avvertimento indicando di sostituire il valore indicato per GRUB_DEFAULT in precedenza con una stringa nella forma:

gnulinux-advanced-447f60ea-aa25-44b1-96ba-22f3fcf056bd>gnulinux-2.6.32-37-pve-advanced-447f60ea-aa25-44b1-96ba-22f3fcf056bd

(si legga la propria nei risultati di update-grub), una volta fatta questa modifica si ripeta il comando update-grub che a questo punto non dovrebbe dare più nessun avvertimento.

A questo punto si potrà riavviare la macchina, ed una volta ritornata in linea controllare che sia attivo il kernel di Proxmox con:

root@proxmox ~ # uname -r
2.6.32-29-pve

Onde evitare di restare ancorati a questa versione di kernel negli aggiornamenti e dovere tutte le volte modificare il default di GRUB si proceda ad eliminare il kernel standard di Wheezy (con apt-get remove linux-image-amd64 linux-image-3.2.0-4-amd64) e a ripristinare il valore di default originario per GRUB inserendo in /etc/default/grub:

GRUB_DEFAULT=0
#GRUB_DEFAULT='Debian GNU/Linux, with Linux 2.6.32-29-pve'

e poi si rigeneri, verificando che venga rilevata solo la versione del kernel di Proxomox, la configurazione per GRUB con:

update-grub

A questo punto si potrà procedere con le fasi successive dell'installazione, un primo passo è rimuovere l'installazione di default di exim ed utilizzare postfix come suggerito da Proxmox (e dal buon senso). Si suggerisce di configurarlo, a meno di esigenze diverse, per la spedizione solo locale (abilitando poi il trasporto per le email in uscita generate localmente):

apt-get install --purge postfix

Una volta fatto questo si potranno installare le restanti parti dell'infrastruttura necessaria all'uso di Proxmox con:

apt-get install proxmox-ve-2.6.32 ntp lvm2 ksm-control-daemon vzprocps open-iscsi bootlogd

Si tenga presente che durante l'installazione si otterrà probabilmente un avviso "_Warning: IP forwarding is not enabled_", in quanto il default di Debian non lo prevede e le configurazioni aggiuntive di sysctl vengono installate con i pacchetti citati, occorrerà pertanto eseguire manualmente le configurazioni aggiuntive usando i file in /etc/sysctl.d/ con sysctl --system altrimenti la rete delle macchine virtuali non funzionarà.

Per verificare il funzionamento della piattaforma ci si dovrà collegare direttamente alla macchina con l'indirizzo https://proxmox.truelite.it:8006, la versione 3.x di Proxmox non utilizza più Apache che non viene installato e pertanto non esiste neanche una redirezione dalla porta 80. L'accesso è con le credenziali degli utenti di sistema (cioè root) ed è consigliato l'uso di Chromium (con alcune versioni di firefox l'interfaccia non funziona). Dalla versione 3.1 ad ogni login viene mostrato un pop-up di avviso che non si ha una versione supportata, che può essere rimosso con una patch al javascript dell'interfaccia.