Project

General

Profile

Installare Proxmox 2.0 su Squeeze

Benché Proxmox preveda la possibilità di una installazione diretta tramite la propria distribuzione, è possibile effettuare l'installazione anche a partire da una Debian Squeeze, utilizzando i pacchetti forniti dal progetto. Sono però necessari alcuni accorgimenti.

Dopo aver completato la installazione del sistema base di Debian si dovranno aggiungere alle fonti di APT (in /etc/apt/sources.list) le righe seguenti per i pacchetti di Proxmox:

# PVE packages provided by proxmox.com
deb http://download.proxmox.com/debian squeeze pve

per semplificare gli aggiornamenti ed evitare lamentazioni al riguardo dei pacchetti non firmati si installino le chiavi GPG per Proxmox con:

wget -O- "http://download.proxmox.com/debian/key.asc" | apt-key add -

si proceda poi alla rilettura dei repository e alla installazione degli aggiornamenti:

apt-get update
apt-get dist-upgrade

infine si installino kernel ed eventualmente firmware e header (quest'ultimi opzionali) di Proxmox:

apt-get install pve-kernel-2.6.32-12-pve pve-firmware pve-headers-2.6.32-12-pve

A questo punto si deve riavviare (le fasi dell'installazione successiva richiedono che si utilizzi un kernel che supporti OpenVZ) e si verifichi che il sistema riparta con il nuovo kernel, si deve avere:

root@proxmox:~# uname -r
2.6.32-12-pve

A questo punto prima di passare alla installazione della piattaforma di Proxmox, prima però occorre verificare che l'hostname della propria macchina riportato in /etc/hostname corrisponda in /etc/hosts all'IP della propria interfaccia di rete, e non a localhost come normalmente avviene dopo l'installazione del sistema base. Se infatti questo non avviene si avrà lo spiacevole effetto di veder fallire lo script di post-installazione del pacchetto pve-cluster, con un errore del tipo:

Starting pve cluster filesystem : pve-cluster[main] crit: Unable to get local IP address
 (warning).
invoke-rc.d: initscript pve-cluster, action "start" failed.
dpkg: errore nell'elaborare pve-cluster (--configure):
 il sottoprocesso vecchio script di post-installation ha restituito lo stato di errore 255

e conseguente fallimento nella configurazione di tutte le dipendenze. Pertanto ci si assicuri, se ad esempio 192.168.1.36 è il proprio indirizzo IP e proxmox è il proprio hostname, che in /etc/hosts sia presente una contenuto del tipo:

127.0.0.1       localhost
#127.0.1.1      proxmox.truelite.it  proxmox
192.168.1.36    proxmox.truelite.it  proxmox

Un secondo punto che può causare problemi per l'installazione è la presenza o meno di un server di posta, se questo è assente infatti il default porta ad installare citadel che è un groupware. Pertanto è sempre opportuno installare preventivamente postfix e configurarlo per l'invio della sola posta locale.

A questo punto si potrà procedere alla installazione della piattaforma di Proxmox con:

apt-get install proxmox-ve-2.6.32

Una volta completata l'installazione per ottenere l'interfaccia web in risposta sull'IP diretto, si ricordi di abilitare il relativo virtual host:

a2ensite pve-redirect.conf
service apache2 reload