Project

General

Profile

RoundCubeMail » History » Version 29

Version 28 (Simone Piccardi, 07/18/2014 07:29 PM) → Version 29/32 (Simone Piccardi, 04/09/2015 04:59 PM)

h1. Installare e configurare Round Cube

"Roundcube":http://roundcube.net/ è una delle piattaforme di posta web più interessanti fra quelle disponibili, supportando molte funzionalità avanzate ed una interfaccia utente molto gradevole. Non essendo disponibile come pacchetto Debian su Squeeze, ed in una versione piuttosto vecchia su Wheezy, descriveremo qui la procedura utilizzata per installarla su una Debian Squeeze (e successive).

Il primo passo è scaricare l'ultima versione disponibile dal sito del progetto. Al momento della stesura di queste note l'ultima versione disponibile è la 1.0.1. Nella sezione download del sito sono presentate due alternative, la distribuzione completa che non richiede dipendenze e la _dependent_ che non contiene alcune parti che nel caso di Debian possono essere installate direttamente dai pacchetti, si è pertanto scaricata una versione e la si è poi installata in @/var/www@ con i seguenti passi:

<pre>
tar -xvzf roundcubemail-*-dep.tar.gz
mv roundcubemail-*-dep /var/www/roundcube
</pre>

occorre poi aggiustare i permessi rispetto a quelli presenti nell'archivio e che le due directory @temp@ e @logs@ siano scrivibili dal server web, pertanto ci si sposti nella directory di installazione e si cambino i proprietari dei file con:

<pre>
cd /var/www/roundcube
chown -R root.root .
chown -R www-data.www-data temp logs
</pre>

Si dovrà poi prevedere di configurare Apache per fornire accesso all'installazione ed eseguire il codice di ausilio per il controllo e la creazione automatica dei file di configurazione. Nel caso specifico si potrà definire un opportuno _virtual host_ oppure aggiungere le seguenti righe a quello di default:

<pre>
<Directory /var/www/roundcube>
AllowOverride All
</Directory>
Alias /roundcube /var/www/roundcube
</pre>

(la sezione container serve per consentire l'uso del file @.htaccess@ fornito dal programma, alternativamente si può inserire il contenuto dello stesso al posto della direttiva @AllowOverride All@). Inoltre per ottimizzare le prestazioni conviene attivare i seguenti moduli di Apache:

<pre>
a2enmod expires
a2enmod headers
a2enmod deflate
</pre>

e modificare la configurazione di @.htaccess@ (o della parte eventualmente inclusa nel _virtual host_) per l'uso di @mod_headers@ come indicato nel file stesso a seconda della versione di Apache. Inoltre dato che il programma è scritto in PHP ovviamente sarà necessario disporre del relativo supporto per Apache, che qualora non presente dovrà essere installato con il pacchetto @libapache2-mod-php5@.

Si abbia cura di utilizzare la versione completa e non la _dependent_ in quanto almeno fino a Squeeze il programma si lamenta di non avere la libreria _Net_IDNA2_ e non consente l'installazione. A partire dalla 0.9 è possibile utilizzare senza controindicazioni sia _MySQL_ che _sqlite (con il passaggio a sqlite3) come database di supporto. S

Una volta riavviato Apache si potrà contattare la pagina di installazione all'indirizzo:

<pre>
http://mio.server.address/roundcube/installer
</pre>

e seguire la procedura di installazione per passi ivi descritta.

Il primo passo controlla la presenza delle dipendenze necessarie ed opzionali, segnalando cosa manca, nel nostro caso si sono installati i seguenti pacchetti ausiliari:

<pre>
apt-get install php5-mcrypt php-pear php5-gd php5-intl php5-ldap\ php5-intl\
php-net-smtp php-mail-mime
</pre>

ulteriori pacchetti sono necessari a seconda del database di supporto che si sceglie, se si intende usare _sqlite_ si installi:

<pre>
apt-get install php5-sqlite sqlite3
</pre>

se si intende usare _MySQL_ si installi:

<pre>
apt-get install php5-mysql mysql-client
</pre>

Una volta completata l'installazione delle dipendenze, si può passare al passo successivo che richiede l'immissione di una lunga serie di parametri di configurazione. La maggior parte di questi possono essere lasciati al loro valore di default, in sostanza ci sarà da cambiare soltanto quelli relativi alla connessione al database (mettendovi username, password e nome del database) e impostare quelli relativi all'indirizzo del server IMAP e SMTP che si vuole usare (usualmente localhost, supponendo che la webmail giri sul server di posta elettronica).

Si tenga presente che il programma necessita di un database (con _MySQL_, _PostgresSQL_ o _SQLite_). Nel caso si intenda utilizzare _MySQL_ andrà creato un database dedicato all'applicazione che deve essere oppurtunamente inizializzato. Per la creazione iniziale si può fare riferimento alle istruzioni generali riportate in [[MySQLInitConf]], nel nostro caso si sono utilizzati i seguenti comandi (collegandosi da root):

<pre>
CREATE DATABASE roundcubemail /*!40101 CHARACTER SET utf8 COLLATE utf8_general_ci */;
GRANT ALL PRIVILEGES ON roundcubemail.* TO 'roundcube'@'localhost' IDENTIFIED BY 'pwdsegreta';
</pre>

Una volta creato il database lo si dovrà inizializzare con lo schema fornito nei sorgenti del programma, nel nostro caso questo è stato fatto con il comando:

<pre>
mysql -u roundcube -p roundcubemail < SQL/mysql.initial.sql
</pre>

(questo passaggio pare non essere necessario nelle versioni più recenti del software che una volta generati ed installati i due file di configurazione come nel paragrafo precedente offre un pulsante di creazione dello schema direttamente dall'interfaccia web).

Qualora invece si intenda utilizzare _sqlite_ si dovrà creare il database localmente nella directory di installazione con il comando:

<pre>
sqlite3 -init SQL/sqlite.initial.sql sqlite.db
</pre>

il comando rimane nella shell di _sqlite_ per cui occorrerà uscire con @.exit@, una volta fatto questo si abbia cura di modificare propietario e permessi del file con:

<pre>
chmod 640 sqlite.db
chown www-data.www-data sqlite.db
</pre>

ATTENZIONE: la parte su _sqlite_ non è stata verificata, paiono esserci problemi con il supporto per sqlite3.

Infine il programma richiede che si imposti correttamente il parametro @date.timezone@ di PHP, si modifichi pertanto in @/etc/php5/apache2/php.ini@ la riga e si riavvii apache:

<pre>
date.timezone = Europe/Rome
</pre>

Una volta fatto questo la schermata di installazione dovrebbe riportare OK su tutti i campi necessari e consentire di proseguire nella configurazione presentando un pulsante _NEXT_, cliccato il quale verranno richiesti una serie di parametri di configurazione. Si abbia cura di indicare il database in uso, con i parametri di connessione standard per _MySQL_ ed il pathname assoluto del file (nel caso precedente @/var/www/roundcube/sqlite.db@) per _sqlite_. Si dovranno inoltre specificare gli indirizzi IP del server SMTP ed IMAP (in genere @localhost@) a cui si appoggia il programma. E' inoltre necessario indicare la localizzazione da usare (@it_IT@). Fatto questo si potrà cliccare sul pulsante _CREATE CONFIG_.

Se si sono inseriti correttaente i parametri di configurazione a questo punto verrà generata una configurazione, ed illustrati passi da fare. In genere questo comporta prendere il testo generato e inserirlo negli opportuni file nella directory @config@ (si può anche fare un taglia ed incolla del testo presentato direttamente in un editor). Detti file varianoa seconda della versione, con la 1.0.1 si tratta soltanto di @config.inc.php@, in precedenza erano @main.inc.php@ e @db.inc.php@.

Una volta inserita la configurazione sotto @config@ si potrà passare al terzo passo che verificherà il funzionamento del tutto compresa la spedizione di una email ed il login al server IMAP, se non si ricevono errori si potrà disabilitare l'accesso alla directory di configurazione (come consigliato dall'interfaccia stessa) con il comando:

<pre>
chmod 700 installer
</pre>

(oppure spostandola in altra posizione rispetto all'installazione), anche se non essendo in grado di scrivere da nessuna parte non ha effetti significativi..

Il programma consente l'uso di numerosi plugin che ne estendono le funzionalità, da installare in altrettante sttodirectory nella directory @plugins/@, il loro uso però deve essere esplicitamente attivato con definendo la chiave di configurazione @plugins@, il cui default è essere una lista vuota. La variabile di configurazione deve essere definita alla lista dei nomi (corrispondente alla sottodirectory in cui li si sono installati) dei plugin, pertanto se si vuole attivare i plugin @managesieve@ e @calendar@, si dovrà definire:

<pre>
$config['plugins'] = array('managesieve', 'jqueryui', 'calendar');
</pre>